Un momento particolarmente felice per la carriera del Maestro, che lo porta ad affacciarsi sullo scenario lirico internazionale. Ma Gordini, ai lustrini Americani, preferisce la ritmica magia del Brasile dove si trasferisce per alcuni mesi divenendo ospite fisso di numerose trasmissioni della più popolare emittente verdeoro, Teleglobo. Rientrato in Italia, alla carriera teatrale il tenore milanese preferisce un percorso che porti la lirica al di fuori degli spazi consueti. A questo periodo risalgono appuntamenti straordinari come il grande concerto che, nel febbraio 1996, lo vede protagonista in uno dei luoghi simbolo della sua città, la meravigliosa Galleria Vittorio Emanuele. Giunto ad uno straordinario livello nel repertorio classico, alla fine degli anni Novanta inizia un percorso di sperimentazione musicale che culmina nell’ esperienza del Liric Pop. Rodolfo rivisita duettando con cantanti pop celebri pezzi di molti generi musicali, dalla musica leggera italiana al pop internazionale, alla dance. Un esperimento di successo che lo porta a creare il progetto Re Noir, con cui porta in giro per l’Italia uno spettacolo in cui l’emozione storica della lirica si fonde con le note del contemporaneo in un connubio di rara armonia.

La ricerca musicale di Rodolfo lo porta ad una forte passione per gli strumenti etnici di tutto il mondo, che inserisce all’interno dei suoi spettacoli. Una ricerca così approfondita da valergli l’inserimento, come unica voce umana, all’interno della Strumentoteca patrocinata dal Museo della Scala di Milano. A questo periodo segue un percorso di studio delle culture musicali regionali del nostro Paese, un patrimonio che merita una straordinaria rivalutazione che scongiuri il rischio della scomparsa di questo straordinario patrimonio musicale. Culmine di questi studi è la realizzazione, con i Cantori di Carpino e la collaborazione di Renzo Arbore, del brano “Taranta Liricando”, in cui la voce lirica di Gordini si sposa con la straordinaria ritmica della Taranta Garganica. Il brano viene presentato fuori concorso al Festival di Sanremo 2004.

Negli ultimi anni le attività della voce milanese si dividono tra concerti, presenze televisive e radiofoniche a cui si abbina la consueta attività di ricerca musicale. La morte di Luciano Pavarotti, cui il tenore milanese si sentiva profondamente legato soprattutto per la meravigliosa attività di avvicinamento della lirica al pubblico realizzata con progetti come il Pavarotti & Friends (progetto simbolo del Liric Pop cui il Rodolfo si è tanto dedicato), porta Gordini a realizzare una serie di attività in memoria del grande tenore modenese. Tra queste vanno indubbiamente citate lo straordinario “Tributo a Luciano Pavarotti” realizzato presso le meravigliose sale di Villa Borromeo e il brano “Sto pensando a Te”, brano Liric Pop dedicato a Pavarotti in cui interpreta contemporaneamente la parte leggera e quella lirica.
 
   
     
  RODOLFO MARIA
GORDINI
UNA VITA DA TENORE
CONCERTI E NEWS
PHOTO GALLERY
AUDIO & VIDEO GALLERY
CONTATTI
 
© Copyright 2009 RODOLFO MARIA GORDINI.
All right reserved
HOME | UNA VITA DA TENORE | CONCERTI E NEWS | PHOTO GALLERY | AUDIO & VIDEO GALLERY | CONTATTI | CREDITS
Foto by Ivano Cerullo